Gaslighting: cos’è e come combatterlo in 5 step

Uomo narcisista che si guarda allo specchio
Tabella dei Contenuti

Gaslighting è una parola che evoca manipolazione, inganno e controllo emotivo. Se ti sei mai sentito confuso o in dubbio su te stesso a causa delle parole del tuo partner, potresti essere stato vittima di questa subdola tecnica psicologica. Il gaslighting è comune nelle relazioni tossiche, dove il manipolatore nega eventi, distorce la realtà e fa sembrare che tutto sia colpa tua.

Se vuoi capire come riconoscere il gaslighting e difenderti da questa forma di abuso emotivo, sei nel posto giusto. In questo articolo, esploreremo le fasi del gaslighting e condivideremo 5 strategie efficaci per contrastarlo. Scoprirai come proteggere la tua autostima e costruire relazioni basate sul rispetto e sulla fiducia. Se sei pronto a svelare le dinamiche del gaslighting e a riprendere il controllo della tua vita, continua a leggere.

donna con dita puntate

Le 3 fasi del gaslighting

Forse non sai che il gaslighting è una tecnica insidiosa utilizzata dai narcisisti per ottenere il controllo completo sulla vita e l’autostima delle loro vittime.

Ora esploriamo insieme le tre fasi che caratterizzano questo processo di manipolazione e come contrastarne gli effetti distruttivi.

  • Fase di idealizzazione: è la fase iniziale in cui il manipolatore si presenta come una figura affascinante, premurosa e affidabile catturando immediatamente la fiducia e l’ammirazione della vittima. In questa fase la vittima tende a sentirsi molto apprezzata, desiderata e ammirata creando una connessione emotiva intensa con il manipolatore
  • Fase di svalutazione: una volta che la vittima, soggiogata dal fascino del manipolatore, si è completamente impegnata nella relazione e si è resa vulnerabile, il gaslighter passa alla fase di svalutazione. Qui iniziano ad emergere i comportamenti manipolatori, gli abusi verbali o emotivi, le costanti critiche e una progressiva distruzione dell’autostima della vittima. L’obiettivo è far sentire l’altro insicuro, dipendente e controllato. Il gaslighter negherà, distorcerà o minimizzerà i propri comportamenti dannosi, incolpando la vittima per le difficoltà nella relazione.
  • Fase di discredito e abbandono: in questa fase finale, il narcisista intensifica il gaslighting per far dubitare la vittima della sua stessa percezione della realtà. Nega eventi passati, rifiuta di ammettere errori o manipola le prove, creando confusione, impotenza e disorientamento nella vittima. La vittima si convince che il manipolatore dica la verità, cadendo in uno stato depressivo. Alla fine, il narcisista può decidere di abbandonare la vittima o di passare a un nuovo ciclo di idealizzazione con un’altra persona, perpetuando il ciclo distruttivo.

Attraverso la comprensione di queste fasi, è possibile iniziare a contrastare gli effetti del gaslighting e a recuperare la propria autostima e potere personale. Si è pronti a sfidare il controllo manipolativo e a costruire relazioni basate sul rispetto reciproco. E ora andiamo a scoprire 5 strategie per contrastare il gaslighting.

Donna con espressione di superiorità

5 strategie per contrare il gaslighting

Ecco delle strategie efficaci che puoi mettere in campo subito e in autonomia per liberarti dalle catene del manipolatore:

1.  Rafforza la tua autostima e la fiducia in te stesso/a: concentrati su attività che ti fanno sentire bene e valorizzato/a. È importante che preservi e coltivi i tuoi interessi personali e mantenere il focus sui tuoi punti di forza. Lavorare sulla tua autostima può aiutarti a resistere alle manipolazioni e a ricostruire la tua fiducia in te stesso/a.

2.  Crea o mantieni una rete di supporto: cerca il sostegno di amici, familiari o professionisti che ti comprendano e ti supportino. Condividere le tue esperienze con persone di cui ti puoi fidare può fornirti un supporto emotivo e una prospettiva esterna, aiutandoti a vedere la realtà più chiaramente e a non dubitare della tua percezione degli eventi.

3.  Tieni nota delle tue esperienze: tieni un registro degli episodi di gaslighting o degli eventi che ti fanno dubitare di te stesso/a. Avere prove tangibili può aiutarti a contrastare la manipolazione e a rafforzare la tua percezione della realtà.

4.  Informati sull’argomento: acquisisci conoscenza sul gaslighting e sulle dinamiche manipolative. Capire i comportamenti che il manipolatore mette in atto può darti strumenti per identificarli e affrontarli in modo efficace. Ci sono molti libri, risorse online e professionisti qualificati che possono fornire informazioni preziose sull’argomento.

5.  Imposta confini e metti al primo posto il tuo benessere: Impara a riconoscere i tuoi bisogni e ad affermarli. Stabilisci confini chiari e assertivi nella tua relazione con il manipolatore. Fai del tuo benessere una priorità, mettendo in atto abitudini di cura personale, praticando l’autocommiserazione e prendendoti del tempo per te stesso/a.

Se senti di aver bisogno di supporto, rivolgiti a professionisti qualificati come terapeuti, consulenti o al team di coach e psicologi certificati di SOSrelazioni. Possiamo offrirti le risorse e le strategie necessarie per riprendere il controllo della tua vita e trovare il benessere che meriti.

Aree di interesse
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica: viene aggiornato senza regolarità e le pubblicazioni non sono da ritenersi periodiche in quanto a discrezione dell’autore. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001
Chi siamo

Siamo un team di oltre 90 persone, con sede operativa a Pesaro, nelle Marche, ed una presenza capillare sul territorio italiano grazie al nostro prezioso team di coach-psicologi, esperti relazionali e content producer.

Raccontaci
la tua storia

Clicca sul link qui sotto e scrivici in che modo possiamo esserti di aiuto, sarà per noi un piacere conoscerci e supportarti!