IL METODO SOS RELAZIONI

Il METODO

Il protocollo di training relazionale sviluppato da SOS Relazioni e racchiuso all’interno della nostra libreria di manuali eBook e audioBook ha tra le proprie finalità la crescita e l’evoluzione personale dell’individuo, in termini di potenziamento della propria consapevolezza, fiducia in se stessi, capacità di comunicazione all’interno della relazione, empatia e capacità di recupero, gestione e sviluppo del rapporto di coppia o interpersonale.

Nello specifico, il Metodo SOS Relazioni è stato sviluppato dal nostro team di coach-psicologi sulla base di consolidate teorie comportamentali, sociali e psicologiche e può essere sintetizzato nei seguenti principali Sprint.

Analisi Funzionale

L’obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo a comprendere l’importanza di modificare i propri comportamenti e pensieri in modo da poter prevedere e gestire al meglio le reazioni del proprio partner, evitando così errori e costruendo una relazione più solida, soddisfacente e basata sul reciproco rispetto.

Principali studi scientifici sottostanti:

  • John B. Watson. Importante psicologo che ha gettato le basi della terapia comportamentale. Le sue teorie, esposte in diverse pubblicazioni, si concentrano sulla modificazione dei comportamenti osservabili attraverso il condizionamento. (Watson, J. B. (1924). Behaviorism. New York: The People’s Institute Publishing Company.)
  • Aaron T. Beck e Judith S. Beck.
  • Psicologi che hanno contribuito enormemente allo sviluppo della teoria cognitiva e della terapia cognitivo-comportamentale. Le loro ricerche mostrano come i pensieri influenzano i comportamenti e le emozioni. (Beck, A. T. (1979). Cognitive Therapy of Depression. New York: Guilford Press. / Beck, J. S. (1995). Cognitive Therapy: Basics and Beyond. New York: Guilford Press.)
  • Burrhus Frederic Skinner. Uno dei principali esponenti della psicologia comportamentale, ha sviluppato una teoria che sottolinea l’influenza del rinforzo positivo e negativo sui comportamenti. Le sue teorie sono ben documentate nelle sue pubblicazioni. (Skinner, B. F. (1938). The Behavior of Organisms: An Experimental Analysis. New York: Appleton-Century. / Skinner, B. F. (1953). Science and Human Behavior. New York: Macmillan. / Skinner, B. F. (1971). Beyond Freedom and Dignity. New York: Alfred A. Knopf.
  • Kevin Polk, Benjamin Schoendorff, Mark Webster e Fabian Olaz.
  • Hanno scritto “La Matrice ACT”, un manuale che utilizza la terapia dell’accettazione e dell’impegno come strumento per aiutare le persone a vivere una vita in linea con i propri valori personali. (Polk, K. L., Schoendorff, B., Webster, M., & Olaz, F. O. (2016). The ACT Matrix: A New Approach to Building Psychological Flexibility Across Settings and Populations. New Harbinger Publications.)
  • Vittorio Gallese (2003), “The roots of empathy: the shared manifold hypothesis and the neural basis of intersubjectivity”,
  • Andrew Whiten (2018),
  • Social Machiavellian and cultural cognition: A golden age of discovery in comparative and evolutionary psychology”
  • Richard W Byrne (2018), “Machiavellian intelligence retrospective”

Zero contact

Il Contatto Zero è un processo di distacco dal partner che può essere applicato in maniera efficace solo in determinati casi ed osservando specifiche linee guida. L’obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo a comprendere e sfruttare l’importanza di un eventuale periodo di distacco dal partner, con l’obiettivo di creare spazio per la riflessione, aumentare il desiderio del partner, migliorare l’autostima e l’indipendenza, e dimostrare a sé stessi e al partner il proprio valore all’interno del rapporto.

Principali studi scientifici sottostanti:
  • Burrhus Frederic Skinner ha evidenziato il ruolo del rinforzo positivo e dell’ignoramento nel modificare i comportamenti. (Skinner, B. F. (1938). The Behavior of Organisms: An Experimental Analysis. New York: Appleton-Century-Crofts. / Skinner, B. F. (1953). Science and Human Behavior. New York: Macmillan. / Skinner, B. F. (1971). Beyond Freedom and Dignity. New York: Alfred A. Knopf. / Skinner, B. F. (1957). Verbal Behavior. Acton, MA: Copley Publishing Group.
  • Robert Cialdini, nel suo libro “Persuasion”, descrive il principio di scarsità come uno dei sei principi della persuasione, sottolineando come le persone tendono a desiderare ciò che è difficile da ottenere. (Cialdini, R. B. (2001, February). The science of persuasion. Scientific American.)
  • Konrad Lorenz, etologo e zoologo austriaco, ha sviluppato la teoria etologica che spiega il comportamento animale e umano attraverso l’evoluzione e la biologia. (Konrad Lorenz, etologo e zoologo austriaco, ha sviluppato la teoria etologica che spiega il comportamento animale e umano attraverso l’evoluzione e la biologia.)
  • Helen Fisher è una ricercatrice che ha studiato le basi biologiche dell’amore e del desiderio, dimostrando il legame tra queste emozioni e specifiche aree cerebrali e processi neurochimici. (Fischer, Helen (11 February 2016). “The science behind maintaining a happy long-term relationship”)

Preselezione

Obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo a comprendere e sfruttare il principio della “preselezione”, che nella teoria dell’attrazione sociale si riferisce all’idea che una persona diventi più attraente e desiderabile quando è già desiderata o scelta da altri.

Principali studi scientifici sottostanti:

  • Robert Cialdini, nel suo libro “Persuasion “, ha evidenziato il principio di consenso e la riprova sociale, mostrando come le persone tendono a conformarsi al comportamento degli altri in situazioni di incertezza. (Cialdini, R. B. (2001, February). The science of persuasion. Scientific American.)
  • Trivers, R. (1972). Parental investment and sexual selection. In B. Campbell (Ed.), Sexual selection and the descent of man 1871-1971 (pp. 136-179). Aldine. Nel suo studio “Parental investment and sexual selection”, Robert Trivers introduce il concetto di investimento parentale e la sua relazione con la selezione sessuale.

MINDSET

Obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo ad acquisire leadership, controllo e consapevolezza di sé stessa/o, attraverso 5 principi chiave:

1) conosco me stessa/o, so chi sono, conosco i miei difetti e ci lavoro costantemente per migliorarmi

2) so quello che voglio, nelle piccole scelte di tutti i giorni e anche nella vita come obiettivi di lungo termine

3) so quello posso darti come partner all’interno della relazione: sono sicura/o di me

4) so quello che merito all’interno della relazione: non sono disponibile ad accettare qualunque compromesso pur di stare con il mio partner

5) sono capace di mediare: so chi sono e sono sicuro di me stessa/o, ma sono anche in grado di mediare con il partner per arrivare ad un punto comune, ove esistente e ragionevole
Principali studi scientifici sottostanti:
  • Kurt Lewin è stato uno dei precursori della psicologia sociale e ha sviluppato la teoria del campo della forza, che spiega il comportamento umano in termini di interazione tra l’individuo e l’ambiente sociale. (Lewin, K. (1951). Field theory in social science: Selected theoretical papers. D. Cartwright (Ed.). New York: Harper & Row.)
  • David M. Buss e David P. Schmitt hanno condotto una ricerca che ha mostrato come le donne tendono a preferire uomini con una posizione sociale elevata e una carriera promettente. (Buss, D.M., & Schmitt, D.P. (1993). Sexual strategies theory: An evolutionary perspective on human mating. Psychological Review, 100, 204-232.)
  • Judith Dunn e Richard Searle hanno dimostrato che l’attrazione femminile per un uomo è correlata al tipo di auto che guida. (Dunn, M.J., & Searle, R. (2010). Effect of manipulated prestige-car ownership on both sex attractiveness ratings. British Journal of Psychology, 101, 69-80.)
  • Gillian Rhodes è una ricercatrice che ha studiato l’attrattività fisica, dimostrando che i volti maschili con tratti marcatamente mascolini sono generalmente considerati più attraenti. (Rhodes, G. (2006). The evolutionary psychology of facial beauty. Annual Review of Psychology, 57, 199-226.)

CARING

Obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo a comprendere e sfruttare il concetto di “caring” e la conseguente importanza di evolvere per risultare maggiormente attrattivo nei confronti del partner. Per “caring” si intende la capacità di un individuo di farsi percepire dal partner come soggetto in grado di prendersi cura della famiglia. Questo principio è fondamentale in una relazione di coppia perché spesso è associato alla percezione dell’attrattività e della idoneità del partner come compagno di vita ed eventuale genitore.

Principali studi scientifici sottostanti:

  • David M. Buss, nel 2012, ha evidenziato come le donne tendono a preferire partner con più risorse e che possono offrire un buon supporto per l’allevamento dei figli. Buss ha inoltre contribuito a ricerche evidenziano che le donne mostrano una preferenza universale per uomini più anziani (Buss, D.M. (2012). Evolutionary psychology: the new science of the mind, 4th edition. Pearson Education. / Buss, D.M., Abbott, M., Angleitner, A., Asherian, A., Biaggio, A. (1990). International Preferences in Selecting Mates. Journal of cross-cultural psychology, 21(1), 5–47. / Buss, D.M., Schmitt, D.P. (1993). Sexual strategies theory: An evolutionary perspective on human mating. Psychological Review, 100, 204–232.)
  • James W. Kalat ha esposto l’importanza delle risorse e dell’impegno in una relazione, mostrando come le donne tendono a preferire partner che possono offrire queste qualità. (Kalat, J. W. (2013). Biological Psychology (11th ed.). Cengage Learning.)
  • Nancy Macpeace Tunner, nel 1981, ha esaminato il comportamento di accoppiamento nelle società preistoriche, mostrando come le donne preferivano uomini disponibili a prendersi cura dei neonati e a procurare cibo. (Macpeace Tunner, N.: (1981) “on becoming human”.)

Recupero della relazione

Obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo a comprendere ed applicare la teoria dei coniugi Gottman per recuperare e migliorare la propria relazione di coppia, attraverso la comprensione, la gestione dei conflitti ed il rispetto reciproco.

Principali studi scientifici sottostanti:

  • La teoria dei coniugi Gottman, sviluppata da John Gottman e sua moglie Julie Schwartz Gottman, è un approccio scientificamente basato per comprendere e migliorare le relazioni di coppia. La teoria è basata su anni di ricerche e osservazioni di coppie in interazione, e si concentra su due pilastri fondamentali (amicizia e gestione dei conflitti) e sette principi (migliorare la mappa dell’amore, nutrire l’ammirazione, volgersi l’un l’altro, lasciare che il partner influenzi, risolvere i problemi solubili, superare i conflitti insolubili, creare un significato condiviso) che sono essenziali per il mantenimento di una relazione sana. (Gottman, J. M., & Silver, N. (1999). The Seven Principles for Making Marriage Work. New York: Crown Publishers, Inc.)
  • Teoria formazione delle abitudini in 21 giorni: “Maxwell Maltz, Psicocibernetica(2018), RP Publishing, Feb 2018.
  • Principio del Piacere: Sigmund Freud, Introduzione alla Psicoanalisi (2012), Bollati Boringhieri, 2012.
  • Statistica Sociologica sulla Famiglia: Beck e Beck-Gernsheim (et. Al.2011),Smelser – Baldini, Manuale di Sociologia, il Mulino, (2012)
  • Principio psico idraulico del piacere: Konrad Lorenz (1977), Evoluzione e modificazione del comportamento, Bollati Boringhieri, Mar 1977.
  • Teoria Insiemistica della Coppia: Stewart-Joines(2000), L’ analisi transazionale guida alla psicologia dei rapporti umani, Garzanti, Gen. 2000.
  • Teoria Sistemico Familiare: Dicks H.V.(2005),Tensioni Coniugali, Borla, Gen 2018.

Circoli viziosi e bias

Obiettivi di questo Sprint è aiutare l’individuo a riconoscere, comprendere e non incorrere in circoli viziosi e bias cognitivi che possono influenzare negativamente la comunicazione, il problem solving, la soddisfazione della relazione nonché l’efficacia del percorso di crescita personale che il cliente sta affrontando.

Principali studi scientifici sottostanti:

  • Kahneman, D. (2011). “Thinking, Fast and Slow” è un’opera di psicologia e di economia comportamentale che esplora il modo in cui pensiamo, suddividendolo in due sistemi: il pensiero rapido, intuitivo, e il pensiero lento, razionale.
  • Tversky, A., & Kahneman, D. (1974). “Judgment under Uncertainty: Heuristics and Biases”. Questo articolo scientifico presenta una serie di euristiche e bias cognitivi che influenzano il giudizio umano, contribuendo alla formazione della teoria della prospettiva.
  • Beck, A. T. (1979). “Cognitive Therapy of Depression” è un libro fondamentale nella psicologia clinica che descrive il trattamento della depressione attraverso la terapia cognitiva, evidenziando il ruolo dei pensieri negativi nel mantenimento della depressione.
  • Gottman, J. M., & Silver, N. (1999). “The Seven Principles for Making Marriage Work” è un libro che descrive i principi sviluppati da John Gottman attraverso anni di ricerca per aiutare le coppie a migliorare il loro rapporto e a costruire un matrimonio felice e duraturo.

Leve evolutive

Obiettivo di questo Sprint è aiutare l’individuo a comprendere che agendo sui meccanismi istintuali del cervello rettiliano, quali preselezione, mindset e caring, e combinando queste azioni con altre caratteristiche fondamentali (come ad esempio la sicurezza in se stessi e l’umorismo) che risiedono nel cervello neocorticale, è possibile creare una connessione profonda e duratura, allineando il proprio comportamento con i bisogni e desideri istintivi del proprio partner, garantendo così una relazione solida e armoniosa.

Principali studi scientifici sottostanti:

  • MacLean, P. D. (1952). Some psychiatric implications of physiological studies on frontotemporal portion of limbic system (visceral brain). Electroencephalography and Clinical Neurophysiology, 4(4), 407-418. Questo studio di MacLean è uno dei primi a esplorare il sistema limbico e il suo ruolo nelle funzioni psichiatriche, ponendo le basi per la sua teoria del cervello tripartito.
  • MacLean, P. D. (1990). The Triune Brain in Evolution: Role in Paleocerebral Functions. Springer. Questo libro di MacLean approfondisce la sua teoria del cervello tripartito, esplorando l’evoluzione del cervello e il ruolo delle diverse parti in funzioni specifiche, come quelle paleocerebrali.
  • Sagan, C. (1977). The Dragons of Eden: Speculations on the Evolution of Human Intelligence. Ballantine Books. In questo libro, Carl Sagan esplora l’evoluzione dell’intelligenza umana, integrando la teoria del cervello tripartito di MacLean con riflessioni filosofiche e scientifiche sull’evoluzione della cognizione umana.