Partner anaffettivo, come gestire la relazione in 7 passi

Tabella dei Contenuti

Cosa fare con un partner anaffettivo?

Prima di rispondere a questa domanda è importante non far confusione tra una persona che non prova emozioni e chi non riesce ad esprimerle.

La prima è una persona anaffettiva. Questa fa un’immensa fatica a riconoscere le proprie emozioni per questo motivo alle dimostrazioni di affetto predilige la razionalità e la logica perchè lo fanno sentire più al sicuro.



Bisogna comprendere che per queste persone è molto difficile rendersene conto (per loro è normale fare così) per cui è bene cercare di portarli alla consapevolezza di questo evitando la rabbia ma utilizzando la calma per comunicargli come ti fa sentire a non ricevere attenzioni, gesti affettuosi e carezze.

Ma cosa fare in queste situazioni?

Ecco due passi da considerare:

  • Riconoscere la presenza di un partner anaffettivo nella relazione: Una volta compreso ciò, è essenziale evitare di giustificare il comportamento con un semplice “è fatto così” e prendere consapevolezza della relazione con una persona anaffettiva
  • Riflettere sulla propria felicità e sui compromessi: Se si è in una relazione con un partner anaffettivo da diversi anni, è necessario sincerarsi di quanto si è disposti a sacrificare, a quanti compromessi si è ancora disposti a scendere e fino a quando si desidera ignorare i propri bisogni emotivi.

A questo punto, si delineano due strade possibili:

  1. Accettare la situazione così com’è, senza illudersi che possa cambiare, sia lui che la dinamica relazionale. In tal caso, è cruciale abbandonare l’illusione di un cambiamento.
  2. Intraprendere un percorso individuale, focalizzandosi sui propri bisogni e emozioni. Ascoltandosi attentamente, è possibile rendersi conto se si sta vivendo una relazione insoddisfacente che non può più perdurare così
partner anaffettivo

7 modi per gestire un partner anaffetivo

Prima di addentrarci nelle strategie pratiche per gestire una relazione con un partner anaffettivo, è fondamentale comprendere la natura di questa dinamica. Una persona anaffettiva, incline a razionalizzare le emozioni, può creare sfide nella comunicazione affettiva. Tuttavia, affrontare la situazione con consapevolezza e concretezza può portare a miglioramenti significativi.

1. Comprendere il Contesto

Immagina di avere un partner che evita manifestazioni di affetto e preferisce la razionalità. Invece di reagire con frustrazione, cerca di capire il suo punto di vista. Ad esempio, potrebbe considerare dimostrazioni affettuose come una forma di vulnerabilità che preferisce evitare.

2. Comunicazione Calma ed Empatica

Pratica la comunicazione aperta con il tuo partner anaffettivo. Scegli un momento tranquillo e esprimi i tuoi sentimenti senza accusare. Ad esempio, invece di dire “Non dimostri mai affetto”, potresti dire “Mi sento triste quando non ricevo dimostrazioni di affetto, possiamo parlarne insieme?”.

3. Riflessione Individuale

Fai un esercizio di auto-riflessione sulle tue aspettative nella relazione. Chiediti quali sono i tuoi bisogni emotivi e se sono realistici. A volte, comprendere meglio se stessi può portare a una comunicazione più chiara con il partner.

4. Accettazione e Gestione delle Aspettative

Scrivi una lista delle tue aspettative nella relazione e rifletti su quali di esse sono ragionevoli. Ad esempio, potresti desiderare un maggiore coinvolgimento emotivo, ma è importante accettare che il tuo partner potrebbe esprimere affetto in modi diversi.

5. Esci dalla Zona di Confort

Sperimenta nuovi modi di comunicare l’affetto che potrebbero essere più in linea con il partner anaffettivo. Potresti provare a scrivere lettere o condividere sentimenti attraverso gesti di gentilezza. L’obiettivo è trovare modalità di espressione emotiva che funzionino per entrambi.

6. Decisioni Cruciali

Rifletti su quanto sei disposto a comprometterti nella relazione. Stabilisci confini chiari sulle tue esigenze emotive e valuta se il partner è aperto a un cambiamento graduale. Questo ti aiuterà a prendere decisioni più informate.

7. Ripartire da Sé Stessi

Investi tempo nelle tue passioni e interessi personali. Mantenere una vita individuale appagante può alleggerire la pressione sulla relazione e permetterti di affrontare meglio eventuali difficoltà emotive.

Integrare queste strategie nella tua relazione può contribuire a creare un ambiente più comprensivo e soddisfacente, favorendo una comunicazione più aperta e una crescita personale reciproca.

partner anaffettivo

Se ci si ascolta davvero, probabilmente ci si rende conto di vivere una relazione insoddisfacente che non può più funzionare così.

È importante che convincersi che non siamo noi il problema e che purtroppo l’amore che si prova non è sufficiente per farlo diventare una persona diversa.

Come per qualsiasi relazione, non bisogna perdere di vista se stessi, i propri sentimenti ed il proprio stato d’animo. Perciò, se i silenzi e il distacco del partner anaffettivo cominciano a pesare troppo rendendoci tristi e insoddisfatti, la soluzione è ripartire da se stessi.

Aree di interesse
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica: viene aggiornato senza regolarità e le pubblicazioni non sono da ritenersi periodiche in quanto a discrezione dell’autore. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001
Chi siamo

Siamo un team di oltre 90 persone, con sede operativa a Pesaro, nelle Marche, ed una presenza capillare sul territorio italiano grazie al nostro prezioso team di coach-psicologi, esperti relazionali e content producer.

Raccontaci
la tua storia

Clicca sul link qui sotto e scrivici in che modo possiamo esserti di aiuto, sarà per noi un piacere conoscerci e supportarti!