Relazione: 3 segnali che indicano una coppia in crisi

Tabella dei Contenuti

Sei mai stato pervaso dal dubbio in una relazione? Quel tarlo fastidioso che si insinua, chiedendoti: “Tutto è davvero a posto? Vuole ancora stare con me?” Alcuni lo ignorano, facendo spallucce e proseguendo. Ma ignorare può intensificare i problemi. Altri invece ne diventano ossessionati, chiedendo conferme incessantemente, mettendo a rischio l’equilibrio e la sopravvivenza stessa della coppia. Nei prossimi paragrafi, esploreremo come trovare un equilibrio, evitando gli eccessi, per preservare la relazione. Ma procediamo con ordine.

relazione coppia in crisi

Ogni relazione richiede impegno

Spesso ci illudiamo che i rapporti di coppia debbano svilupparsi spontaneamente, altrimenti si rischia di interpretare la mancanza di spontaneità come segno di mancanza di sentimenti. Questa convinzione è dannosa per la nostra relazione. In realtà, entrambi i partner devono imparare a soddisfare i bisogni dell’altro, il che richiede sforzo e comprensione reciproca. Ma quali sono esattamente questi bisogni e come possiamo capire cosa l’altro desidera?

Spesso crediamo che il dialogo sia sufficiente. Chiedo semplicemente cosa non vada, l’altra persona me lo comunica e io valuto se posso soddisfare la sua richiesta. Tuttavia, le parole non sempre rivelano tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

Ti racconto un mio aneddoto personale: una sera, dovevo accompagnare mia figlia a ginnastica, ma è sopraggiunto un impegno improvviso. Considerando che ha 15 anni, le ho chiesto se poteva organizzarsi con i mezzi pubblici. Capisco che possa essere complicato per lei, ma non avevo altra scelta; sarei poi andato a prenderla. Quando sono andato a riprenderla, si è arrabbiata molto, dicendo che organizzarsi all’ultimo minuto è difficile per lei.

Ero in un periodo in cui ero molto impegnato dal lavoro. Ho intuito che la sua richiesta non fosse solo logistica, ma anche relazionale. Il fatto di fermarmi più del solito a parlare con lei dopo cena e mostrarmi interessato ai suoi interessi l’ha tranquillizzata.

Ecco come un gesto ponderato e non spontaneo, poiché avevo altro da fare quella sera che ho deciso di rimandare, si è rivelato una dimostrazione di interesse e amore, confermando un’attenzione che lei non mi aveva espressamente chiesto.

relazione coppia in crisi

Essere pazienti e cercare i segnali

Come nell’esempio, anche in una relazione di coppia, è cruciale riconoscere i segnali che il nostro partner ci trasmette, andando oltre le parole esplicite. Inizialmente, questo può sembrare complesso, ma con pratica e buoni punti di partenza, ognuno di noi può acquisire questa capacità. Altrimenti, c’è il rischio che il rapporto diventi monotono o, peggio ancora, che si avvii verso la rottura. Spesso, mi trovo a lavorare con persone che si pentono di non aver riconosciuto in tempo gli errori che stavano commettendo. Pertanto, anticipare tali situazioni può essere estremamente vantaggioso, non credi?

Se hai la sensazione che qualcosa non vada bene nella tua relazione, è importante capire esattamente il motivo. Quali sono i segnali che ti fanno dubitare della felicità del tuo partner? Potrebbe essere una diminuzione nella frequenza dei messaggi che vi scambiate, una riduzione della passionalità o notare che il tuo partner sembra più assorto nei suoi pensieri e meno coinvolto nella comunicazione con te.

È essenziale valutare attentamente questi segnali, considerando che la nostra percezione può essere influenzata dalle nostre emozioni e che a volte notiamo certi dettagli solo in certi momenti. Questo può essere comunque un punto di partenza per avviare un dialogo. Concediti quindi del tempo per osservare la situazione, da un minimo di 3 settimane fino a un massimo di due mesi, prima di affrontare una conversazione sulla sensazione che provi.

relazione coppia in crisi

Durante questo periodo di osservazione, è importante:

  • Prestare attenzione a eventuali problematiche che potrebbero influenzare la vita del tuo partner, che potrebbero derivare dal lavoro, dalla propria salute o da questioni familiari, o da altre circostanze.
  • Analizzare la comunicazione tra voi due, notando se emergono affermazioni che potrebbero essere indicative di problemi che hai già affrontato in passato. Anche le piccole cose, come il modo in cui viene trattata l’immondizia, possono essere significative per il tuo partner.
  • Evitare di fare domande dirette o di cercare conferme immediate, poiché questo potrebbe non aiutare a dissipare i dubbi. Invece, cerca di individuare segnali positivi che non confermano i tuoi timori, come maggiore propositività nelle attività che svolgete insieme, nonostante una minore frequenza nei messaggi.

Infine, cerca di mantenere la calma e evita i conflitti con il tuo partner durante questo processo di valutazione. La comprensione reciproca e la pazienza sono fondamentali per affrontare eventuali difficoltà nella relazione.

relazione crisi di coppia

Apri il dialogo per una comunicazione di coppia autentica

Dopo il periodo di osservazione deciso, se sentite ancora il bisogno di chiarire la situazione, è utile prendersi un momento per parlare. Anche se non è una competenza insegnata né a scuola né in famiglia, affrontare questo dialogo è più semplice di quanto possa sembrare. Di seguito, fornirò alcuni suggerimenti pratici che, sebbene possano sembrare elementari, spesso risultano difficili da mettere in pratica perché non siamo abituati e ci sentiamo a disagio. Tuttavia, superare questa difficoltà può essere estremamente gratificante.

Per affrontare l’argomento con il tuo partner, segui questi passaggi:

  1. Scegli il momento opportuno: Identifica un momento tranquillo per discutere. Se il tuo partner chiede il motivo, tranquillizzalo dicendo che è solo una questione che desideri affrontare insieme per un po’ di tempo, almeno un’ora.
  2. Inizia la conversazione: Quando siete faccia a faccia, esponi ciò che stai percependo e come ti fa sentire. Integrando le tue osservazioni, spiega che potrebbero essere solo impressioni sbagliate.
  3. Ascolta attentamente: Prendi atto di ciò che ti viene detto, cercando di chiarire ogni dubbio. Non arrabbiarti se noti delle discrepanze; chiedi semplicemente spiegazioni.
  4. Gestisci le emozioni: Se la discussione si infiamma e non riuscite a trovare un accordo, evita di prolungare il conflitto. Chiudete temporaneamente il discorso con un’osservazione del tipo: “… non ha senso litigare così; meglio riprendere la conversazione in un altro momento“. Dopo questa pausa, fissate un nuovo appuntamento per continuare la discussione.

Questo approccio non è semplice e spesso richiede il supporto di un esperto o professionista. Tuttavia, una volta appreso, diventa uno strumento estremamente funzionale per entrambi i partner, che potranno utilizzarlo reciprocamente.

Le crisi sono parte integrante della crescita individuale e della relazione di coppia. È principalmente una questione di pratica: con l’esperienza, la sensazione di disagio iniziale diventa meno intensa. Se si verifica un blocco comunicativo significativo, è consigliabile affrontare l’argomento gradualmente, preferibilmente con l’assistenza di un professionista che possa guidare i primi passi.


Autore: Davide D.C. Coach e Psicologo SOSRelazioni

Aree di interesse
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica: viene aggiornato senza regolarità e le pubblicazioni non sono da ritenersi periodiche in quanto a discrezione dell’autore. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001
Chi siamo

Siamo un team di oltre 90 persone, con sede operativa a Pesaro, nelle Marche, ed una presenza capillare sul territorio italiano grazie al nostro prezioso team di coach-psicologi, esperti relazionali e content producer.

Raccontaci
la tua storia

Clicca sul link qui sotto e scrivici in che modo possiamo esserti di aiuto, sarà per noi un piacere conoscerci e supportarti!