Relazione di Coppia: 10 cause di rotture secondo la scienza

Tabella dei Contenuti

Ti sei mai chiesto perché una relazione di coppia dura nel tempo mentre altre finiscono arrivando alla rottura?

In questo articolo, sulla base di studi e ricerche scientifiche, scoprirai come sviluppare atteggiamenti positivi ed evitare comportamenti che mettono a rischio la relazione di coppia.

Partiamo dai numeri: ogni anno in Italia si celebrano circa 200.000 matrimoni, ma purtroppo una coppia su quattro alla fine si separa. Forse anche tu hai vissuto una relazione che sembrava promettente all’inizio, solo per vederla sfumare col tempo.

Secondo Werner Bartens, medico esperto in relazioni, è importante comprendere le ragioni dietro la scelta di stare con qualcuno e come migliorare la qualità della relazione. La teoria dell’attaccamento di John Bowlby suggerisce che il desiderio di costruire legami affettivi ha radici profonde nell’infanzia, continuando a influenzarci da adulti, spingendoci a cercare sostegno e vicinanza.

Capire le cause delle crisi nelle relazioni ci dà gli strumenti per prevenirle e costruire legami gratificanti e duraturi. Le relazioni, specialmente quelle romantiche, sono un tema delicato. Molti hanno sofferto e continuano a soffrire per non sapere come costruire una relazione solida, duratura e soddisfacente per entrambi.

Ma lascia che ti dica una cosa, leggendo le prossime righe imparerai tutto ciò che ti serve per costruire una relazione solida, duratura e appagante.

relazione di coppia

Relazione di Coppia: Le Principali Cause delle Rotture

Le principali cause delle rotture nelle relazioni possono essere ricondotte a diversi fattori chiave.

Ecco le principali cause:

1. Mancanza di Comunicazione

Cosa succede quando manca la comunicazione nelle relazioni? Bartens, esperto di relazioni e comunicazione, ci rivela che la vicinanza emotiva, le parole gentili e l’evitare critiche possono rafforzare i legami. Al contrario, una comunicazione inadeguata può portare a fraintendimenti, risentimenti e persino conflitti.

Quando la comunicazione diventa strumento di dominio o rimane superficiale, il risultato è quasi sempre dannoso: dall’erosione del legame alla separazione inevitabile. La comunicazione è un’arte da coltivare con cura per il benessere delle relazioni, non solo romantiche. Purtroppo, troppo spesso si cerca di manipolare o dominare anziché connettersi sinceramente, un errore che può segnare la fine di ogni legame autentico.

2. Incompatibilità e Differenze Irreconciliabili

Come si manifestano le differenze inconciliabili nelle relazioni?

Secondo gli studi di Gottman, le disparità nei valori, negli interessi e nelle personalità possono generare tensioni insuperabili. Spesso si mettono insieme persone fondamentalmente incompatibili su diversi fronti: mentale, emotivo, pratico. Quando queste differenze diventano troppo grandi per essere gestite o superate, o quando mancano gli strumenti per farlo, la relazione rischia di giungere al punto di rottura.

Questa situazione si verifica spesso perché, all’inizio di una relazione, si tende a cambiare per adattarsi al partner e per essere accettati. Tuttavia, più si cerca di adattarsi per ottenere ciò di cui si ha bisogno dal partner, più si rischia di perdere se stessi. Sebbene sia normale e sano avere bisogno del partner in una certa misura, una dipendenza eccessiva può minare la relazione, creando le condizioni per il suo declino.

3. Infedeltà e Tradimento

Come affrontare le incompatibilità e le differenze insanabili in una relazione?

Secondo Lebow, Chambers, Christensen e Johnson, il tradimento ha conseguenze devastanti sulla fiducia e sulla sicurezza emotiva, indipendentemente dalla sua forma. La menzogna, la comunicazione ingannevole e l’omissione di verità fondamentali alimentano sfiducia e controllo e minano la base della fiducia reciproca. Chi mente o omette fa ciò perché dubita che il partner possa accettare la verità o teme che la verità possa provocare la fine della relazione.

Per preservare la stabilità emotiva e la connessione autentica, è essenziale sviluppare una maggiore sicurezza interiore e scegliere partner capaci di sincerità reciproca. Solo così si può evitare che le differenze irrisolvibili minino il legame e portino alla rottura della relazione.

relazione di coppia

4. Mancanza di Intimità e Connessione Emotiva

Quali sono gli effetti delle incompatibilità e delle differenze irrisolvibili nelle relazioni?

Secondo Waring e Patton, l’intimità è cruciale per la solidità di una coppia, comprendendo la connessione emotiva, fisica e relazionale attraverso la comunicazione e la condivisione. Tuttavia, la mancanza di questa intimità può manifestarsi in vari modi problematici come la scarsa comunicazione, la mancanza di affetto o di sesso.

Heiman aggiunge che fattori come l’apatia, il tempo limitato, la salute, la routine, lo stress e la mancanza di comunicazione possono privare la coppia di intimità, compromettendo non solo la relazione ma anche la salute psicologica dei partner.

Waring e Patton evidenziano come la mancanza di intimità possa isolare emotivamente i partner, ridurre il desiderio sessuale e minare l’autostima con conseguenze potenzialmente depressive o ansiose. Inoltre, un aumento improvviso del desiderio da parte di uno dei partner può destabilizzare la coppia se non è reciproco, portando a tensioni e incertezze.

Jacobson, Jacobson e Christensen sottolineano che anche l’introduzione di novità può essere percepita come una minaccia alla stabilità raggiunta, creando dilemmi emotivi e indecisioni sulla direzione da intraprendere.

In definitiva, gestire le incompatibilità e le differenze in modo che non compromettano la connessione emotiva è fondamentale per preservare la salute della relazione e il benessere individuale dei partner.

5. Stress Esterno e Fattori Ambientali

Come influiscono gli stress esterni sulle relazioni?

Secondo Jacobson, N.S., Jacobson, S. & Christense, A, esperti di relazioni, fattori come lavoro, finanze e dinamiche familiari possono esercitare un impatto significativo. Questi eventi stressanti spesso mettono a dura prova la coppia, portando a discussioni e conflitti. Nonostante si avverta il disagio si è portati a fare finta di niente minimizzando e negando questi problemi. Questo atteggiamento può aggravare ulteriormente la situazione, accumulando tensioni che potrebbero portare alla fine della relazione.

6. Dinamiche Emotive e Comportamentali che Portano alla Rottura

Cosa succede quando le differenze e le incompatibilità diventano insormontabili in una relazione?

Markman, Stanley e Blumberg, nel loro studio, evidenziano come dinamiche emotive e comportamentali possano portare alla rottura. Anche in presenza di un amore profondo, problemi psicologici come depressione, ansia, dipendenze o disturbi di personalità possono minare seriamente il legame tra i partner.

Questi disturbi influenzano il benessere emotivo e il quotidiano di una persona, mettendo a rischio l’equilibrio emotivo necessario per sostenere la relazione. In situazioni estreme, come gravi dipendenze o disturbi di personalità, il pericolo per entrambi i partner diventa evidente. Anche condizioni meno gravi, come ansie o tratti di personalità problematici, possono comunque minacciare il rapporto, creando costantemente problemi di varia entità.

Di fronte a traumi o disturbi mentali, è sempre consigliabile consultare uno specialista e intraprendere un percorso di cura personale e di coppia.

relazione di coppia

7. La Teoria del Ciclo della Relazione

Quali sono le dinamiche emotive e comportamentali che possono portare alla rottura nelle relazioni?

Secondo la Teoria del Ciclo delle Relazioni, le coppie attraversano 4 fasi che riflettono i cambiamenti culturali delle epoche storiche. È importante notare che non tutte le coppie sperimentano tutte le fasi né in un ordine predeterminato, poiché molto dipende dalle personalità dei partner e dalle loro storie passate.

Fase 1: Infatuazione

In certi momenti della vita, spinti da meccanismi spesso inconsci, ci sentiamo attratti da persone che sembrano completare le nostre caratteristiche in modo naturale. Questa è l’infatuazione: una fase che di solito dura alcuni mesi, caratterizzata dall’intensa attrazione fisica e chimica. Studi scientifici mostrano che la dopamina, la serotonina e l’ossitocina giocano un ruolo cruciale nella scelta del partner e nel mantenere viva l’intesa.

Durante questo periodo, si idealizza il partner, accentuando le somiglianze e minimizzando le differenze. La prospettiva di separazione può causare angoscia, spingendo a isolarsi dagli altri. Gli sbalzi emotivi eccessivi (legati alla vicinanza o lontananza) possono mettere a rischio la relazione.

Fase 2: Innamoramento

Durante la fase dell’innamoramento, si crea una sorta di simbiosi: si tende a scoraggiare l’indipendenza individuale mentre si incoraggia la chiusura rispetto ad altre relazioni. Questo periodo dura circa 2-3 anni ed è simile all’infatuazione. Durante questa fase, le coppie approfondiscono la loro conoscenza reciproca, stabilendo le basi per una relazione più duratura. Continua a essere importante l’attrazione fisica e si idealizza il partner cercando di far coincidere la sua immagine con quella che abbiamo in mente.

La relazione si consolida attraverso interessi comuni e il reciproco conforto, dove uno diventa una “base sicura” per l’altro, scambiandosi affetto e protezione. L’innamoramento è legato a ciò che l’altro ci fa provare, a come ci sentiamo in sua presenza. In questa fase, eccessiva gelosia o possessività, o al contrario una diminuzione dell’attrazione fisica, possono portare alla rottura della coppia.

Fase 3: Disillusione

Questa fase rappresenta il momento più critico e delicato nell‘evoluzione della coppia. Qui, entrambi i partner si aprono al mondo esterno e riscoprono la propria individualità, riducendo la dipendenza reciproca. L’idealizzazione iniziale cessa e i partner affrontano la vera personalità dell’altro, spesso diversa da come era stata immaginata. Si comincia a considerare la reale possibilità di una vita insieme, vedendo il partner per ciò che è veramente. Questo confronto può scatenare litigi e conflitti, poiché le personalità si scontrano e si negoziano le differenze, migliorando le competenze emotive e comunicative. È un momento cruciale di crescita personale, dove imparare a rispettare le diversità e le autonomie dell’altro diventa essenziale.

Fase 4: Amore maturo

Dopo la fase di sperimentazione e di esplorazione verso l’esterno, si arriva a vedere il partner come una persona separata da sé stessi. In questo periodo, ci si allontana e poi si riavvicina in modo più maturo e razionale. A differenza dell’innamoramento improvviso e della ricerca di simbiosi, l’amore maturo si costruisce lentamente. Questo processo si basa su una crescente consapevolezza di sé e dell’altro, valorizzando le differenze reciproche.

Nella fase dell’amore maturo, si riesce a ridere insieme dei difetti del partner senza sentirsi minacciati nelle proprie vulnerabilità o temere che l’altro si allontani. Questo porta a un maggiore benessere personale e di coppia. Le rigidità iniziano a diminuire e ci si sente più inclini a mettersi in gioco e a fidarsi reciprocamente. Il partner non è visto come un riempitivo emotivo, ma come una persona da arricchire con ciò che possiamo offrire. La coppia impara con pazienza a tollerarsi reciprocamente e a lavorare insieme per trovare un terreno comune

8. L’Attrito e la Crescita Personale

Uno studio condotto da Markman, Stanley e Blumberg evidenzia come le diverse velocità di crescita personale e professionale possano creare divergenze significative nelle relazioni. Le persone cambiano nel tempo, a volte anche rapidamente; non è infrequente sentirsi dire: “Il mio partner mi ha lasciato da un giorno all’altro”, quasi a sottolineare un repentino cambiamento di situazione. Tuttavia, analizzando le dinamiche di coppia, spesso emergono segnali premonitori trascurati, che indicavano chiaramente un imminente cambiamento.

Il cambiamento, in realtà, è parte normale della vita. Sebbene raramente sia radicale, gli individui fortunatamente evolvono nel corso della loro esistenza, influenzando inevitabilmente le dinamiche relazionali. Eventi come la crescita personale, il raggiungimento di nuovi obiettivi, cambiamenti di carriera o sfide personali possono portare a una riflessione sulle priorità, inclusa la propria relazione.

Affrontare questi cambiamenti richiede centrarsi e concentrarsi per comprendere ciò che sta accadendo e avere la volontà di ristabilire un nuovo equilibrio, sia insieme al partner che individualmente.

9. La Psicologia del Risentimento

Studi recenti condotti dall’Università di Pisa e pubblicati su Frontiers in Human Neuroscience hanno chiarito che nutrire il risentimento aumenta il dolore emotivo. Al contrario, il perdono ha effetti benefici: regola le strutture neuronali, promuove la calma, riduce lo stress e attiva la corteccia prefrontale, che aiuta nella risoluzione dei problemi.

Il risentimento e il rancore sono praticamente sinonimi. La parola “rancore” deriva dal latino “rancor”, che significa “lamento, desiderio, richiesta”. Come osserva lo psicoanalista argentino Luis Kancyper, esperto di clinica e cultura, “rancore” ha radici simili a “rancidus”, che significa “astioso”, ma anche “stantio” e “zoppo”. Quando subiamo un torto, proviamo dolore e afflizione; la risposta immediata è la paura, spesso accompagnata da ansia e talvolta da depressione.

Il risentimento accumulato per piccoli o grandi torti irrisolti può crescere nel tempo e danneggiare profondamente. È ciò che sperimentano coloro che sono stati feriti, traditi o abbandonati dalla famiglia, o ingannati dal partner. Queste esperienze dolorose possono lasciare cicatrici durature. Il risentimento, soprattutto quando diventa cronico, è particolarmente dannoso. Questo stato d’animo prolungato può interferire con ogni aspetto della vita: influisce sull’umore, mina la fiducia negli altri, altera il nostro comportamento verso le persone a noi care.

Il perdono non è facile, ma è essenziale per chiudere il cerchio e ritrovare l’equilibrio emotivo. Le persone intrappolate nel risentimento trovano difficile perdonare; passano il tempo a ricordare continuamente l’offesa subita, alimentando un circolo vizioso che intensifica la loro sofferenza.

In sintesi, comprendere la dinamica del risentimento e l’importanza del perdono può essere cruciale per il benessere emotivo e relazionale.

10. L’Esaurimento Emotivo nelle Relazioni

Jacobson, N.S., Jacobson, S. & Christense, A. hanno studiato il fenomeno e dimostrato che lo sforzo costante nel mantenere una relazione può condurre al burnout emotivo. Il termine “burnout” indica stanchezza, perdita di motivazione e disinteresse per qualcosa che un tempo suscitava interesse. Le relazioni in declino possono diventare così gravose quanto un lavoro a tempo pieno. Investire energie mentali ed emotive per far funzionare una relazione e non vedere risultati positivi può portare all’esaurimento emotivo.

relazione di coppia

Come Mantenere una Relazione Sana e Duratura

Quali sono i segreti per mantenere una relazione stabile e felice, secondo la scienza?

Il successo di un rapporto sentimentale dipende da diversi fattori, sia interni che esterni alla coppia. Ecco alcuni consigli pratici, basati su studi scientifici, per rafforzare il legame con il partner e costruire una relazione soddisfacente nel tempo.

1. Tempo Insieme: Passare del tempo di qualità insieme è fondamentale. Nonostante le sfide quotidiane come lavoro e famiglia, dedicarsi momenti a due è il fondamento per mantenere viva la connessione.

2. Dare Attenzione: Essere presenti emotivamente è cruciale. Ignorare il partner quando cerca di comunicare può danneggiare la relazione. L’attenzione reciproca è un investimento nella felicità coniugale.

3. Usare “Noi”: Utilizzare il linguaggio inclusivo come “noi” anziché “io” o “tu” durante le discussioni aiuta a risolvere i conflitti. Promuove un senso di unità e collaborazione tra i partner.

4. Personalizzare l’Amore: Chiedere al partner quali gesti e azioni lo fanno sentire amato è essenziale. Questo aiuta a soddisfare le sue esigenze emotive in modo mirato, oltre alle credenze personali su cosa significhi dimostrare affetto.

5. Valorizzare il Partner: Vedere il partner positivamente, sottolineando le sue qualità, contribuisce a mantenere la felicità coniugale. Rendere visibile e apprezzare le sue caratteristiche migliora la soddisfazione nel matrimonio.

6. Ascolto Attivo: Ascoltare attentamente e senza interruzioni è una dimostrazione d’amore. Capire profondamente il punto di vista del partner rafforza la connessione emotiva.

7. Essere una Squadra: Collaborare verso obiettivi comuni rinforza il legame. Pianificare insieme eventi e responsabilità quotidiane promuove la sensazione di affrontare la vita insieme.

8. Rassicurazione Reciproca: Manifestare affetto e sicurezza è essenziale. Rassicurare il partner nei momenti di incertezza o preoccupazione stabilisce una base solida per la fiducia reciproca.

9. Partecipare e Supportare: Essere presenti nelle gioie e nei problemi del partner è un segno di sostegno emotivo. Condividere le esperienze quotidiane rafforza il legame affettivo.

10. Abbracci: Gli abbracci lunghi e sinceri rilasciano ossitocina, migliorando il benessere individuale e di coppia. Un gesto semplice ma potente per mantenere la connessione.

11. Limitare l’Uso dei Social Network: Passare troppo tempo sui social può danneggiare la relazione. Equilibrare l’uso dei social con momenti di qualità insieme è cruciale per la felicità coniugale.

12. Costruire Significati Condivisi: Condividere esperienze come guardare film insieme crea occasioni per riflettere sulla propria relazione. Questi momenti stimolano conversazioni profonde e connessioni emotive.

Relazione di coppia

Eccoci qui, abbiamo parlato delle principali cause che portano alle crisi di coppia, basandoci su vari studi scientifici. Queste includono la mancanza di comunicazione, di connessione emotiva e di intimità, lo stress quotidiano, e le differenze di compatibilità e di ritmo di crescita. Affrontare tutti questi fattori può sembrare una sfida immane per prevenire la rottura di una relazione.

Tuttavia, comprendere le ragioni alla base delle separazioni ci fornisce gli strumenti per anticipare i problemi e per costruire rapporti appaganti e duraturi. Le relazioni, specialmente quelle romantiche, sono complesse e richiedono diverse competenze per essere gestite efficacemente.

Se ti senti sopraffatto, ricorda che esistono professionisti del settore delle relazioni pronti ad aiutarti. Investire nella tua relazione è un passo importante verso la sua salute e longevità.


Autore: Silvia D. Psicologa e Coach SOSRelazioni

Aree di interesse
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica: viene aggiornato senza regolarità e le pubblicazioni non sono da ritenersi periodiche in quanto a discrezione dell’autore. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001
Chi siamo

Siamo un team di oltre 90 persone, con sede operativa a Pesaro, nelle Marche, ed una presenza capillare sul territorio italiano grazie al nostro prezioso team di coach-psicologi, esperti relazionali e content producer.

Raccontaci
la tua storia

Clicca sul link qui sotto e scrivici in che modo possiamo esserti di aiuto, sarà per noi un piacere conoscerci e supportarti!